Diventa Junior Java Developer e Data Engineer con DigitHer

Sono aperte le candidature per “DigitHer – Tra competenze ed empowerment, il futuro delle donne è digitale, il progetto di Valore D e Generation Italy, selezionato dal Fondo per la Repubblica Digitale – Impresa Sociale* nell’ambito del Bando Futura, che mira ad accrescere le competenze digitali di 150 giovani donne disoccupate (o occupate in una condizione lavorativa non soddisfacente) tra i 18 e i 34 anni provenienti da tutta Italia, e a garantire loro migliori opportunità di accesso e crescita nel mondo del lavoro.

 

Junior Java Developer e Data Engineer: le figure professionali più richieste in ambito tecnologico

 

Il percorso DigitHer è finalizzato alla formazione delle due figure professionali più richieste in ambito tecnologico: quella di Junior Java Developer, che si occupa dello sviluppo di applicazioni software e gestione dei servizi web, e quella di Junior Data Engineer, che provvede alla raccolta e organizzazione di database e analisi di grandi quantità di dati.

 

  • Junior Java Developer

 

JAVA è uno dei linguaggi di programmazione più diffusi al mondo: le partecipanti a DigitHer che sceglieranno il corso di Sviluppatrice JAVA acquisiranno le competenze necessarie per progettare e realizzare applicazioni e siti web. In particolare, avranno modo di approfondire le principali tipologie di applicazioni server, i framework di back-end e front-end e i servizi web più utilizzati, in modo da poter creare una vera e propria applicazione al termine del corso.

Nella vita professionale, la figura della Junior Java Developer è solitamente inserita all’interno di un team che segue tutte le fasi di sviluppo, design e test di un software o servizio e ha diverse responsabilità, tra cui compiti di esecuzione, analisi e risoluzione di problemi tecnici.

Tra le competenze di base sviluppate da una Data Enginner vi sono la capacità di lavorare in team, testare e mantenere applicazioni e software, analizzare e documentare i requisiti degli utenti, e aderire a principi di sviluppo di qualità integrando soluzioni nei tempi prestabiliti e nei limiti di budget. Quelle più avanzate, invece, includono la comprensione delle architetture delle applicazioni e dei fondamenti di User Experience, le competenze di programmazione di applicazioni basate sul framework Spring e sui servizi Web.

 

  • Data Engineer

 

Oggi le aziende hanno necessità di organizzare una mole di informazioni sempre più grande e destrutturata: proprio per questo la Data Engineer è una figura ricercatissima in azienda perché in grado di individuare, organizzare, rendere fruibili e analizzare grandi quantità di dati al fine di estrapolare valore ed informazioni che possano essere utilizzate per informare le scelte di organizzazioni e aziende.

Le partecipanti al corso DigitHer impareranno a progettare database, a conoscere, elaborare e preparare i dati per usi analitici o operativi, approfondendo i linguaggi per descriverli (i.e. Python). Prenderanno dimestichezza, inoltre, con i principali servizi di ingegneria e gli strumenti di versioning e di data visualization (Power Bi), oltre che con gli strumenti ETL (Extract/Transform/Load).

Questa professione è particolarmente adatta a chi ama codici e numeri: scopo di una Data Engineer è infatti quello di garantire l’utilizzo dei dati in azienda, il loro immagazzinamento e la loro integrità. Con il suo lavoro, che prevede l’impiego di fogli di calcolo e database, è in grado di fornire al Data Scientist (con cui collabora a stretto contatto) tutti gli strumenti utili per poter produrre modelli e strategie di analisi dei dati.

Tra le competenze di base sviluppate da una Data Engineer vi sono, in particolare, la capacità di organizzare, estrapolare e interpretare i dati, partendo dalla conoscenza degli strumenti matematici e statistici che sottendono il processo di rielaborazione dei dati, fino ad arrivare a concetti avanzati come i Big data, l’intelligenza artificiale (AI) e il Machine Learning (ML).

Tra le competenze più avanzate vi sono, invece, la programmazione in Python, con l’utilizzo di tool dedicati alla data analysis, la gestione di basi dati e DBMS, la comprensione delle architetture del software e delle tecniche di sviluppo del software, l’utilizzo di strumenti di data visualization come PowerBi.

 

Iscrizioni DigitHer

 

L’accesso ai corsi DigitHer, interamente finanziati dal Fondo per la Repubblica Digitale, non richiede competenze pregresse, né titoli di studio o esperienze professionali: è sufficiente iscriversi sul sito di Generation Italy e sostenere un breve test online su abilità logico-analitiche, cui seguirà un colloquio individuale a verifica della motivazione e del potenziale.

La partenza delle prime classi per entrambi i percorsi è prevista a fine settembre.

Per candidarsi o per registrare il proprio interesse per classi future CLICCARE QUI

 

* Il Fondo per la Repubblica Digitale è nato da una partnership tra pubblico e privato sociale (Governo e Associazione di Fondazioni e di Casse di risparmio – Acri) e, in via sperimentale per gli anni 2022-2026, stanzia un totale di circa 350 milioni di euro. È alimentato da versamenti effettuati dalle Fondazioni di origine bancaria. L’obiettivo è accrescere le competenze digitali e sviluppare la transizione digitale del Paese. Per attuare i programmi del Fondo – che si muove nell’ambito degli obiettivi di digitalizzazione previsti dal PNRR (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza) e dall’FNC (Fondo Nazionale Complementare) – a maggio 2022 è nato il Fondo per la Repubblica Digitale – Impresa sociale, organizzazione senza scopo di lucro interamente partecipata da Acri. Per maggiori informazioni www.fondorepubblicadigitale.it.

Articoli correlati